Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Il lettone dei desideri

Un brutto sogno, un nuovo fratellino, il bisogno di vicinanza: sono tante le ragioni che spingono i bambini a dormire a letto con i genitori. Per un tempo limitato va bene.

Come far dormire il bambino nel suo letto

Se i genitori a lungo andare risentono della situazione, devono far in modo che il bambino si abitui di nuovo al proprio letto. Ecco come fare:

  • Trovate una soluzione di coppia e definite chiaramente chi riporterà il bambino a letto e quando.
  • Rendete attraente il luogo dove il bimbo dorme, magari con un letto più grande o lenzuola speciali scelte da lui. Definite insieme al bambino un «talismano» o un peluche che lo protegga durante la notte.
  • Agite con amorevole calma: contate fino a cinque, indugiate, parlate con serenità. Da non dimenticare: il bambino non agisce contro i genitori, sta imparando.
  • Confidate nelle sue capacità. Lui imparerà che ce la può fare anche senza mamma e papà.
  • Scatenarsi di giorno fa sì che di notte bambini e genitori siano più tranquilli.

Un’altra notte così: Elisa (4 anni) si alza, raggiunge a tentoni il letto dei genitori mezza addormentata e scivola sotto le coperte. Un mormorio, e i genitori si sono già spostati per far spazio alla piccola. Poco dopo tutti dormono di nuovo. La mattina dopo, la mamma si chiede: «Elisa dovrebbe dormire da sola, non è vero?» «Non lo so. Se ha bisogno di noi...?» risponde il papà.

Quando i genitori ne soffrono è ora di dire basta

Il lettone può essere la soluzione migliore per un po’ di tempo, ovvero fino a quando tutti sono soddisfatti e dormono bene. «Lasciate le cose così come sono», consiglia l’esperta. Ma è possibile che il sonno dei genitori e la loro vita di coppia ne risentano. In questo caso bisogna intervenire. È importante che i genitori prendano insieme la decisione e si sostengano a vicenda in questo processo. Se vogliono che il bambino o la bambina dorma nel proprio letto, dovrebbero parlargliene durante il giorno. «È un metodo che funziona già con bambini di due o tre anni», afferma Bernadette Amacker.

Bisogna essere fermi

L’importante è mantenere una posizione ben decisa. L’incertezza può portare rapidamente a lotte di potere con la prole e avere conseguenze disastrose: se al bambino viene concesso in modo riluttante di dormire nel letto dei genitori, si creeranno tensioni, e il bambino cercherà ancora di più la loro vicinanza. Che cosa può essere utile? Restare amorevolmente fermi sulla propria decisione per dieci-quattordici giorni, fino a quando il bambino si sarà abituato alle nuove regole.

È normale che un bimbo delle scuole inferiori cerchi ancora riparo e vicinanza nel lettone. Tuttavia, se vostro figlio non riesce a dormire fuori casa, a scuola o dagli amici, dovreste chiedere consiglio a un esperto.

di Claudia Langenegger,

pubblicato il 20.10.2017

Continua a leggere


Potrebbe interessarti anche: