Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Canapa: una prodigiosa erba benefica

La canapa è una pianta presente in Svizzera già da oltre 6500 anni. In passato è stata dichiarata illegale, ma oggi festeggia una fantastica rinascita. Tutti i vantaggi offerti da questa pianta.

La canapa rientra tra le colture più antiche del mondo. Per molto tempo la Svizzera è stata una delle maggiori zone di coltivazione in Europa; di conseguenza, le piantagioni di canapa hanno svolto un ruolo molto importante per il nostro Paese dal punto di vista economico. La canapa rappresentava la materia prima per la produzione di abbigliamento, corde, materiale sanitario, carta, olio commestibile, olio per lanterne, coloranti, foraggio per il bestiame e medicamenti.

Da legale a illegale e viceversa

Nel 1951, però, la coltivazione, la vendita nonché il consumo di canapa e derivati vengono vietati perché contenenti tetraidrocannabinolo (THC), che rientra tra le sostanze stupefacenti. Solo 50 anni dopo l’Ufficio federale dell’agricoltura ha nuovamente legalizzato la coltivazione di undici varietà di canapa non contenenti THC.

La canapa è una pianta autoctona molto resistente, che cresce anche a un’altitudine di 1500 metri sopra il livello del mare e non richiede né pesticidi né erbicidi per la coltivazione. Dal punto di vista ecologico, la pianta della canapa ha il vantaggio di essere trasformabile quasi al 100 percento. Gli agricoltori svizzeri, tuttavia, non ricevono al momento alcuna sovvenzione statale per la coltivazione di questa pianta.

La canapa può essere consumata in tanti modi

Ein Fläschchen Hanföl mit Hanfzweig auf einem mit Hanfgarn gewebtem Tuch
Ein Fläschchen Hanföl mit Hanfzweig auf einem mit Hanfgarn gewebtem Tuch

Olio di canapa

L’olio di canapa è particolarmente ricco di acidi grassi essenziali e grazie all’efficace contenuto di vitamina E dalle proprietà antiossidanti è molto prezioso dal punto di vista nutrizionale. Un cucchiaio al giorno è già sufficiente a soddisfare il fabbisogno giornaliero di acidi grassi omega-3. Se utilizzato nella preparazione di salse e dip, conferisce una deliziosa nota nocciolata. Non è invece adatto per arrostire e deve essere conservato in frigo.

Hanfsamen in einem kleinem Schälchen
Hanfsamen in einem kleinem Schälchen

Semi di canapa

I semi di canapa, noti anche come noci di canapa, sono reperibili in commercio interi o decorticati. Oltre a molti acidi grassi salutari, contengono una grande quantità di preziose proteine e quasi il 30 percento di fibre. Si abbinano divinamente a müesli, smoothie, insalate, prodotti da forno e pasta. Un’attenta tostatura ne esalta l’aroma nocciolato. Nota: non riscaldare oltre i 180°.

Ein kleiner Teller mit einem Esslöffel Hanfsamen und Hanfmehl
Ein kleiner Teller mit einem Esslöffel Hanfsamen und Hanfmehl

Farina di canapa

La farina di canapa si produce dai semi della pianta. Anche in questo caso si tratta di un prodotto ricco di proteine, importanti acidi grassi e fibre alimentari. Questa farina può essere aggiunta all’impasto per la preparazione di qualsiasi tipo di prodotti da forno e di pasta. Si raccomanda pertanto di sostituire circa il dieci percento della farina tradizionale. La farina di canapa non può essere utilizzata come unica farina, perché non contenendo proteine collanti del glutine tutti i prodotti da forno si sbriciolerebbero.

Von oben fotografiert: Ein Kännchen mit Milch neben einer Schale Hanfsamen
Von oben fotografiert: Ein Kännchen mit Milch neben einer Schale Hanfsamen

Latte di canapa

Dai semi di canapa si ottiene anche il latte di canapa. Ha un contenuto di grassi relativamente elevato, motivo per cui ha una consistenza molto cremosa. I lipidi contenuti sono costituiti in gran parte da acidi grassi polinsaturi, che possono quindi avere un effetto positivo sulla salute. Il contenuto proteico è basso, circa un grammo per 100 millilitri. Il latte di canapa non contiene lattosio.

Eine weisse Porzellan-Teetasse mit einem Teesieb mit Hanfblättern
Eine weisse Porzellan-Teetasse mit einem Teesieb mit Hanfblättern

Tè alla canapa

Il tè alla canapa si ricava dalle foglie e dai fiori della pianta. Non ha proprietà inebrianti, in quanto è ottenuto da una coltura priva di THC. A questo tè vengono attribuiti molti effetti benefici. Si dice che sia eccellente contro i dolori, rilassante e calmante, oltre a migliorare l’umore.

Effetto inebriante

Informazioni legali sulla canapa

THC: Il tetraidrocannabinolo (THC) è una delle sostanze il cui contenuto è più alto nelle varietà di canapa usate per la produzione di droga (cannabis). Le varietà di canapa contenenti più dell’1 percento di THC sono vietate ai sensi della legge sugli stupefacenti. I tipi di canapa consentiti dal catalogo europeo delle varietà contengono una quantità di THC inferiore allo 0,2 percento.

CBD: Il cannabidiolo (CBD) è la sostanza contenuta nella pianta di canapa ad avere il tenore più alto insieme al THC. Dal punto di vista medico, ha un effetto antispasmodico, antinfiammatorio, ansiolitico e antinausea. Tuttavia, in Svizzera non può essere venduto come medicinale. La coltivazione, la vendita e il consumo di questa sostanza non sono regolamentati. I tipi di canapa consentiti dal catalogo europeo delle varietà contengono una quantità di CBD inferiore al 4 percento.

Fonte: tabula N°2 02/2018

I semi di canapa, che possono essere utilizzati sia come materia prima per la produzione dell’olio di canapa sia acquistati come prodotto tostato, non contengono sostanze psicoattive. Le varietà di canapa che possono essere coltivate in Svizzera sono prive di THC. Anche il tè ottenuto dalle foglie di canapa non ha alcun effetto inebriante.

Laura Koch, nutrizionista BSc, nel suo lavoro scientifico ha studiato, tra le altre cose, la qualità dei grassi dell’olio di canapa: «È costituito per quasi l’80 percento da acidi grassi polinsaturi, con un rapporto tra acidi grassi omega-6 e acidi grassi omega-3 di 3:1. In confronto, l’olio di colza fornisce solo il 30 percento di acidi grassi polinsaturi con un rapporto di 2,5:1». Il rapporto ideale tra acidi grassi omega-6 e omega-3 è di 5:1. (Continua a leggere qui di seguito...)

Apporta nutrienti in modo del tutto naturale

Sostanze preziose e rare

Cosa rende particolarmente importanti i semi e l’olio di canapa?

 I semi di canapa interi contengono:

  • 36% di grassi
  • 28% di fibre alimentari
  • 25% di proteine
  • 7% di acqua
  • 4% di vitamine e sali minerali 

Fonte: J.C. Callaway «Hempseed as a nutritional resource: An overview», Euphytica, 2004

L’olio di canapa contiene:

  • 84% di salutari acidi grassi polinsaturi omega-3 e omega-6
  • 9% di salutari acidi grassi monoinsaturi omega-9
  • Solo il 7% di acidi grassi saturi
  • Un ottimo rapporto tra acidi grassi omega-3 e omega-6
  • Un elevato contenuto di vitamina E.

La presenza del raro acido gamma-linolenico (GLA) contribuisce a rendere l’olio di canapa particolarmente prezioso. Studi scientifici dimostrano che questo acido ha proprietà antinfiammatorie. Si presume quindi che possa avere un effetto positivo per le patologie reumatiche o malattie dermatologiche infiammatorie come la neurodermite.

I semi di canapa sono costituiti per circa un terzo da grassi, proteine e fibre alimentari. La proteina della canapa contiene tutti i 20 amminoacidi e quindi fornisce anche tutti gli otto amminoacidi essenziali per il nostro organismo. Il contenuto di micronutrienti varia in modo significativo in funzione della varietà. Particolarmente evidente risulta, tuttavia, l’elevato contenuto di vitamina E, dal buon effetto antiossidante. Inoltre, vale la pena menzionare le vitamine B1 e B2, il potassio, il calcio, il magnesio e il ferro.

Non riscaldare l’olio di canapa

La nutrizionista Laura Koch raccomanda a tutti i suoi pazienti l’olio di canapa come alternativa all’olio di lino. A trarne beneficio sono in particolare le persone affette da patologie infiammatorie o malattie dermatologiche. La dottoressa sottolinea che l’olio di canapa non è adatto alla preparazione di piatti caldi. L’olio di canapa deve essere conservato in frigo per un massimo di circa sei mesi. Se presenta un aspetto giallastro o ha un gusto simile a quello di una vernice non è più commestibile.

di Claudia Vogt,

pubblicato il 20.11.2018


Potrebbe interessarti anche: