Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Il cloruro, un elettrolito di importanza vitale

Il cloruro va quasi sempre in coppia con il sodio. Insieme si trovano in quasi tutti gli alimenti sotto forma di sale da cucina, e nel nostro corpo presiedono a importanti funzioni biologiche.

I cloruri sono composti organici che contengono un atomo di cloro. Con il sodio e il potassio sono tra i principali elettroliti presenti nel nostro corpo. Gli elettroliti sono in grado di trasmettere impulsi elettrici: per questo sono molto importanti nella comunicazione cellulare e nella trasmissione nervosa.

Aiuta anche la digestione

La principale funzione del cloruro è il mantenimento della distribuzione dei liquidi nell'organismo. Insieme agli altri elettroliti regola la pressione osmotica delle cellule. Essendo un componente dell'acido cloridrico dei succhi gastrici, il cloruro coadiuva la digestione e la difesa dagli agenti patogeni. Contribuisce inoltre a regolare l'equilibrio acido-base e, con il sodio, la pressione sanguigna. (continua a leggere qui di seguito...)

Ulteriori nutrienti importanti

Il sale è la principale fonte di cloruro

La Società Svizzera di Nutrizione fornisce raccomandazioni riguardo alla dose di cloruro da assumere. Per gli adulti tale valore è pari a circa 2300 mg. Dato che il consumo di sale in Svizzera è decisamente superiore alla quantità raccomandata, l'apporto di cloruro per la maggior parte degli svizzeri copre ampiamente il fabbisogno.

La quantità giornaliera raccomandata di cloruro si trova in:
  • 3,8 g di sale da cucina
  • 70 g di carne secca
  • 135 g di salame
  • 175 g di pane
  • 240 g di parmigiano
  • 330 g di patatine
  • 330 g di riso bollito (pilato)
  • 650 g di cottage cheese

Il cloruro viene assimilato principalmente con il sodio sotto forma di sale da cucina. Ne assumiamo la maggior parte tramite gli alimenti lavorati, ad esempio pane, salumi e formaggi.

Cosa succede quando si assume troppo cloruro?

Un'assunzione troppo scarsa con conseguente carenza di cloruro non si verifica quasi mai, poiché esso è contenuto praticamente in tutti gli alimenti. Può però succedere di perdere molto cloruro, ad esempio a seguito di diarrea, vomito o assunzione di diuretici. La carenza di cloruro si manifesta con pressione sanguigna bassa, battito cardiaco rapido e incremento del pH nel sangue.

Gli effetti di un apporto eccessivo di cloruro non sono chiari, poiché l'assunzione è strettamente legata a quella del sodio e del sale da cucina. In presenza di un apporto eccessivo di sale si sono osservati sintomi quali disturbi cardiocircolatori, incremento della pressione sanguigna, disfunzioni muscolari e disturbi digestivi. Non è ancora stato appurato se questi problemi dipendano dal sodio o dal cloruro.

di Claudia Vogt,

pubblicato il 28.03.2018


Potrebbe interessarti anche: