Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Il potassio, minerale vitale

Non c’è vita senza potassio. Ogni cellula del nostro corpo necessita di questo minerale per funzionare. iMpuls ne presenta le principali fonti.

L’organismo umano contiene dai 100 ai 150 grammi di potassio; la maggior parte di questi importanti elettroliti si trova all’interno delle cellule. Solo con l’ausilio di questo minerale risulta possibile il controllo degli organi, così come l’espletamento delle relative funzioni. Un livello equilibrato di potassio dipende dall’apporto di sodio e magnesio. Un consumo di sale più elevato corrisponde a un maggiore fabbisogno di potassio. Per la nostra salute, una dieta ricca di potassio e povera di sodio è ottimale, pertanto meglio optare per un abbondante consumo di frutta e verdura, senza mettere mano troppo spesso alla saliera.

Il fabbisogno giornaliero di 2000 mg di potassio viene soddisfatto attraverso il consumo di:
  • 140 g di fagioli bianchi
  • 145 g di albicocche secche
  • 235 g di mandorle
  • 380 g di avocado
  • 520 g di banane
  • 585 g di patate, pelate e cotte al vapore
  • 710 g di pane di segale
  • 750 g di spinaci
  • 780 g di gallinacci
  • 1,7 l di succo di mela

Circa due grammi di potassio al giorno

La principale funzione del potassio consiste nella trasmissione degli impulsi elettrici dalle cellule nervose e muscolari, garantendo il loro regolare funzionamento. Insieme al sodio, esso regola il bilancio idrico dell’organismo e la pressione sanguigna. Il livello di potassio nel corpo è regolato rigorosamente. La Società Svizzera di Nutrizione raccomanda di assumere una dose giornaliera pari a 2000 milligrammi. Di norma, il fabbisogno di questo minerale può essere coperto tranquillamente osservando una dieta sana.

Frutta e verdura sono molto ricche di potassio

Contengono molto potassio soprattutto gli alimenti di origine vegetale. Prediligendo prodotti integrali, legumi, frutta e verdura potrai soddisfare il tuo fabbisogno di potassio senza problemi. Purtroppo, attraverso il processo di cottura, ingenti quantità di potassio naturale vanno perdute; pertanto, è consigliabile cuocere la verdura in poca acqua. La soluzione migliore consiste poi nel riutilizzare l’acqua di cottura come base per un condimento o una zuppa al fine di recuperare tutto il potassio in essa presente.

Una carenza rara

Una carenza di potassio si manifesta molto di rado. Una delle potenziali cause potrebbe risiedere in diarrea o vomito persistenti. Anche l’assunzione di lassativi o di farmaci ad effetto drenante (diuretici) può provocare l’insorgenza di una carenza di potassio. Tale problematica si manifesta in tempi molto rapidi sotto forma di debolezza muscolare, occlusione intestinale (ileo) e alterazioni cardiofunzionali. Un eccessivo apporto di potassio può tradursi in un abbassamento della pressione sanguigna. Non esiste tuttavia un limite massimo definito che possa ripercuotersi negativamente sulla salute. In caso di compromessa funzionalità renale, il potassio non viene più espulso tramite l’urina, con il conseguente rischio d’intossicazione. Quest’ultima può comportare disfunzioni cardiache e, nei casi più gravi, risultare addirittura fatale.

di Claudia Vogt,

pubblicato il 02.05.2018


Potrebbe interessarti anche: