Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Così trovi la scarpa da corsa adatta a te

Il tipo di scarpa contribuisce al successo dell'allenamento. Nell'acquisto di scarpe nuove, l'analisi del piede e delle suole delle vecchie scarpe danno preziosi indizi.

Le scarpe da corsa non sono tutte uguali. Grazie a un metodo comprovato e a tecnologie moderne, tutti possono trovare la scarpa da corsa adatta.

L'analisi delle vecchie suole indica lo stile di corsa

La suola delle vecchie scarpe dice molto del corridore. Questo è il motivo per cui l'analisi delle vecchie suole è importante per i corridori che percorrono molti chilometri. A seconda dell'usura della suola è possibile distinguere i seguenti stili di corsa:

Quelli che corrono sui metatarsi

mittelfusslaufer.jpg

Chi ha questo stile di corsa appoggia al suolo con l'intera pianta del piede. La pianta del piede è sollecitata in pari misura nella parte posteriore e in quella anteriore. 

Conseguenze: urti alle articolazioni in fase di atterraggio

Scelta della scarpa: per questo stile di corsa, di solito va bene una scarpa neutra.

Scarpe adatte: per es. New Balance 880; Asics Cumulus
 

Quelli che corrono sui talloni

fersenlaeufer-klein.jpg

La maggior parte dei corridori, corre sui talloni. Si atterra sui talloni e si spinge in avanti. Sulla suola si presentano tracce di usura che corrispondono a questa sequenza. 

Conseguenze: in fase di atterraggio si produce un carico maggiore per ossa e articolazioni.

Scelta della scarpa: una scarpa neutra o sostenitiva, a seconda della forma del piede. L'analisi del piede darà i necessari chiarimenti. 

Scarpe adatte: per es. New Balance 1080: neutra; Brooks Ravenna: iperpronazione lieve; Asics GT 2000: per iperpronatori.

Supinatori

supination3.jpg

Corridori con irrigidimenti lungo l'arco plantare, piede cavo o gambe a o: la suola risulta più intensamente usurata nella parte esterna, La conchiglia del tallone si presenta piuttosto spostata verso l'esterno.

Conseguenze: tendini, legamenti e l'intero sistema del piede subiscono sollecitazioni intense. 

Scelta della scarpa: una scarpa neutra o un modello che sostenga leggermente sul lato esterno guidando a un atteggiamento meno inclinato.

Scarpe adatte: per es. Brooks Glycerin; Saucony Triumph NB 1080

(Continua a leggere qui di seguito...)

Per saperne di più sull'allenamento per la corsa

Tutto sul tema

Quelli che corrono sulle punte

vorfusslaeufer3.jpg

È lo stile dei corridori che cercano le prestazioni: contatto e appoggio sono sull'avampiede. Sono veloci anche da riconoscere dall'usura dell'avansuola delle loro scarpe. 

Conseguenze: avampiede, muscolatura dei polpacci, legamenti e tendini sono sottoposti a carichi più intensi. 

Scelta della scarpa: una scarpa neutra  è di norma la prima scelta.
Scarpe adatte: per es. On Cloudsurfer; Saucony Kinvara; Saucony Triumph
 

Iperpronatori

ueberpronation.jpg

L'iperpronatore torce il piede verso l'interno, la suola risulta consumata più fortemente all'interno nella zona dell'avampiede e del tarso. Spesso la tomaia è deformata nella zona del tarso. La conchiglia del tallone si presenta piuttosto spostata verso l'interno.

Conseguenze: articolazioni della caviglia, ginocchia e fianchi sono sottoposti a carichi intensi. 

Scelta della scarpa: scarpe per la stabilità, che dispongano di un sostegno nella parte interna. Oltre alla scarpa giusta sono indicati esercizi complementari per il rafforzamento della muscolatura. 

Scarpe adatte: per es. Brooks Adrenaline, Saucony Guide

Trova la scarpa giusta con l'analisi del piede

Tutte le 25 filiali Ryffel Running by SportXX offrono ora la nuova analisi 3D gratuita del piede e dello stile di corsa. L'analisi statica del piede con uno scanner 3D permette misurazioni con una precisione di 2 millimetri e in pochi secondi è possibile determinare lunghezza, larghezza, altezza e forma statica del piede. I dati rilevati veicolano informazioni ancora più precise sul piede rispetto alle tecniche precedenti e costituiscono dunque un valido supporto per trovare la scarpa più adatta.

Nel video scopri in cosa consiste l'analisi 3D del piede

Suola morbida o rigida?

Rafforzare i muscoli

I corridori che piegano il piede verso l'interno devono assolutamente fare esercizi per la stabilità, per rafforzare la propria muscolatura. «Ma anche tutti gli altri devono aver cura di disporre di una muscolatura robusta. È la miglior difesa dagli infortuni. E tanto importanti  quanto la giusta scelta della scarpa sono gli esercizi per la stabilità», afferma Jentzsch.

La scelta fra suola morbida o rigida non è questione di stili di corsa. «Decisivo è anche l'uso che si fa di una scarpa», dice Olaf Jentzsch, responsabile di SportXX Ryffel Running al centro commerciale Migros City di Zurigo. Ad esempio è possibile questa combinazione: scegliere per l'allenamento un'intersuola più confortevole (più morbida), per le gare una più rigida (scarpa da trainig, da agonismo). Se poi si preferisce l'inverso, non ci sono problemi. 

di Rüdi Steiner,

pubblicato in data 11.03.2019, modificato in data 09.03.2021


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter e vinci un anno di acquisti per fr. 3'000

Vai all'iscrizione
geschenk-icon.jpg