Chiudi

Vuoi vivere più sano?

L’ABC della sauna

Chi si avvicina per la prima volta alla sauna trova spesso insoliti i modi di fare degli assidui frequentatori. Una cosa è certa: vedere due persone nude colpirsi con un ramoscello di betulla non ha nulla a che vedere con il sadomaso.

Perché di solito si entra nudi in sauna? Sono più apprezzate le saune miste o quelle per sole donne o soli uomini? E perché alcune persone mentre fanno la sauna dopo il getto di vapore agitano l’asciugamano come forsennati? Per i principianti assoluti la prima sauna è un vero e proprio viaggio in un mondo nuovo, nel quale qui da noi vengono catapultati nudi. In Svizzera, Germania, Austria e nei paesi del Benelux si è soliti entrare in sauna completamente nudi. Nei paesi del sud e dalla forte impronta cattolica, invece, non si scandalizza nessuno se si entra con indosso un indumento, anzi è persino gradito. Per chi si approccia alla sauna per la prima volta e non si sente a suo agio nudo si consiglia di iniziare con la sauna per sole donne o per soli uomini. Tra l’altro seguono lo stesso approccio anche i finlandesi, considerati gli inventori della sauna. Chi dovesse sentirsi in imbarazzo anche nella sauna separata, dovrebbe attrezzarsi con due asciugamani: uno sul quale sedersi e l’altro per coprirsi.

Per consentirti di superare brillantemente la tua prima volta in sauna, abbiamo raccolto per te 10 consigli e fatti. (continua a leggere qui di seguito...)

Contenuti collegati

 

  1. Doccia: prima di entrare in sauna fai la doccia e asciuga bene la pelle.
  2. Asciugamano da sauna: porta con te un grande asciugamano da sauna sul quale poterti sedere. Serve a trattenere il sudore, in modo che la pelle sudata non entri in contatto con la panca.
  3. Pediluvio: prima di iniziare il turno di sauna fai sempre un pediluvio. Serve a preparare in modo ottimale il corpo all’elevata temperatura.
  4. Non affaticarti troppo: un turno di sauna dura solitamente 8-12 minuti e mai più di 15. Se senti eccessivamente caldo, siediti su uno dei gradini più bassi, è la zona più fresca. Se ti sdrai, un paio di minuti prima della fine del turno, rimettiti in posizione seduta per stimolare la circolazione. Dopo la fase di traspirazione il corpo necessita di un periodo di tempo altrettanto lungo per rinfrescarsi e riprendersi. Passeggia almeno un paio di minuti all’aria fresca e rimetti in moto la circolazione, poi fai una doccia fredda partendo con il getto dal basso fino a raggiungere il cuore: prima sui piedi, poi sulle gambe e infine sul petto. Successivamente riposati per circa 20 minuti. Poi sei pronto a iniziare il secondo turno di sauna.
  5. Pace e relax: mentre in Finlandia e in Russia è possibile parlare ad alta voce e anche ridacchiare durante la sauna, in Svizzera i frequentatori abituali si aspettano che ci sia silenzio per potersi rilassare.
  6. Getto di vapore (Aufguss): il getto di vapore aumenta ulteriormente lo stimolo termico. Solitamente il rituale viene eseguito qualche minuto prima della fine del turno, quando il corpo si è già abituato all’elevata temperatura. Inoltre l’umidità dell’aria aumenta radicalmente e il successivo roteare di un asciugamano pulito (!) fa sì che il caldo vapore acqueo sia vaporizzato su tutti i presenti. Una particolarità della banja russa - ma anche di alcune saune locali - sono i ramoscelli di betulla. Queste fascine di ramoscelli, «weniki» in russo, non hanno ancora perso le foglie e vengono immerse in acqua. A seconda del temperamento, i frequentatori della sauna si colpiscono da soli o reciprocamente con un’intensità che varia da leggera a più energica. Quest’azione che agli occhi di un principiante appare piuttosto strana stimola la circolazione sanguigna come un massaggio. Il profumo di betulla regala una sensazione di freschezza sulla pelle.
  7. Proteggi i capelli: togli eventuali fermagli dai capelli, si surriscaldano. L’ideale è avvolgerli in un asciugamano di spugna, in modo che non si secchino a causa del calore.
  8. Il numero perfetto è tre: non superare mai i tre turni di sauna. Sebbene i finlandesi ne facciano diversi, ci si dovrebbe fermare dopo tre turni della durata massima di 15 minuti ciascuno. Andare oltre significa sovraccaricare eccessivamente l’organismo e far svanire gli effetti del rilassamento. Frequenta più spesso la sauna, piuttosto.
  9. Bevi: idratati a sufficienza dopo la sauna. Durante un solo turno di sauna di 15 minuti, il corpo può perdere fino a mezzo litro di liquidi. Per questo subito dopo dovresti bere almeno un litro di acqua minerale, oppure anche Schorle alla frutta o tè non zuccherato. Niente alcol però, anche se non è raro che i finlandesi bevano una cassa di birra prima della sauna nel bosco.
  10. No-go: non fare mai la sauna se sei malato, fortemente raffreddato o hai un’infezione, perché il calore è controindicato. In questi casi danneggia più che apportare benefici e indebolisce il cuore e il sistema immunitario.

Ricerca sauna

Trova sulla nostra carta la sauna più vicina.

di Silvia Schütz,

pubblicato il 02.02.2018


Potrebbe interessarti anche: