Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Il pompelmo: tentazione dolce-amara

Dolce-amaro e salutare: ecco le due principali caratteristiche del pompelmo. iMpuls ti svela tutti i segreti di questo grosso agrume e ogni sua possibilità di impiego.

Originario delle Barbados, il pompelmo è nato per caso dall’incrocio tra l’arancio e il pomelo. La coltivazione commerciale è stata inizialmente introdotta nel caldo sud degli Stati Uniti, dove ancora oggi si trovano le piantagioni più estese. Trattandosi di un frutto importato, in particolare da Stati Uniti, Israele e Sudafrica, è disponibile tutto l’anno.

20 varietà diverse

Nel mondo ne esistono oltre 20 varietà diverse, con differenze notevoli per forma, colore e gusto. Da noi sono particolarmente diffuse le varietà con polpa rosa e giallo chiaro. Il gusto è molto succoso e varia da dolce-amaro ad amaro. Il pompelmo rosa è più dolce di quello giallo.

Attenzione all’interazione con i farmaci

La colorazione rosa del pompelmo è dovuta al licopene, un pigmento vegetale responsabile anche del rosso del pomodoro, che sembra contribuire alla prevenzione del rischio cardiovascolare e di alcuni tipi di tumore. 100 grammi del frutto sono già sufficienti a coprire un terzo del fabbisogno di vitamina C di un adulto. Inoltre, le vitamine B intervengono in diversi processi metabolici. (continua a leggere qui di seguito...)

Contenuti collegati

Il caratteristico gusto amaro è dato dalla naringina, che insieme ad altre sostanze vegetali secondarie sembra essere responsabile della possibile interazione tra il consumo dell’agrume, anche spremuto, e l’assunzione di farmaci. Ad esempio, il succo di pompelmo può indebolire o potenziare gli effetti di alcuni medicinali. Per questo motivo è sempre necessario leggere attentamente il foglietto illustrativo oppure chiedere al proprio medico o al farmacista per identificare eventuali interazioni.

Non solo a colazione

Il pompelmo si conserva a lungo: a una temperatura non superiore a 15 °C si mantiene fresco per diverse settimane. La conservazione contribuisce addirittura a intensificarne l’aroma. E diventa più facile da sbucciare

Questo agrume non è solo un ingrediente classico della prima colazione, da gustare a spicchi o spremuto: aggiunge infatti una nota straordinaria anche alla macedonia.

Inoltre, è ottimo per arricchire piatti forti: il suo sapore si armonizza alla perfezione con pollame, pesce e verdura.

pubblicato il 15.12.2017


Potrebbe interessarti anche: