Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Noci: molte virtù racchiuse in uno spesso guscio

Per anni le noci sono state malviste a causa del loro elevato contenuto calorico. Tuttavia, se consumate con moderazione, offrono molti vantaggi per la salute.

La noce è uno degli alimenti più antichi della Terra. Infatti sin dall’età della pietra l’uomo raccoglie questo frutto molto prezioso. Stando ai ritrovamenti archeologici, l’albero di noce sembrerebbe essere originario della Siria e della Turchia. Quest’ultima rientra ancora oggi tra i maggiori produttori al mondo, insieme agli Stati Uniti, la Cina e l’Italia.

I primi frutti solo dopo 10 anni

Esperienza di gusto

Arrostire le noci conferisce loro il caratteristico sapore nocciolato e leggermente amaro, che si abbina perfettamente ad altri aromi di tenore simile, ma non solo.

  • Cannella
  • Noce moscata
  • Sciroppo d’acero
  • Caffè
  • Cioccolato
  • Miele
  • Anice
  • Pera
  • Ciliegia
  • Broccoli
  • Basilico
  • Peperoncino

Da secoli l’albero di noce - che può raggiungere un’altezza di 35 metri e un’età di 150 anni - è una presenza immancabile praticamente in ogni fattoria. Chi pianta questo tipo di albero deve però avere pazienza, perché possono trascorrere anche fino a 10 anni prima che dia i suoi frutti. Dal punto di vista botanico, le noci rientrano nella categoria della frutta a guscio.

Il momento migliore per la raccolta delle noci nostrane va da settembre a ottobre. In questa fase, le noci sono ancora circondate dalla parte esterna verde e dura chiamata mallo che si rompe quando i frutti cadono a terra. A questo punto le noci devono solo essere raccolte. Le noci di importazione, non sgusciate, sono reperibili prevalentemente da agosto a gennaio. I frutti privi di guscio sono disponibili durante tutto l’anno.

Ricche di acidi grassi omega ottimi per la salute

Con una percentuale di grassi quasi del 70 percento, le noci sono molto ricche di calorie. I grassi contenuti sono molto importanti, costituiti prevalentemente da acidi grassi polinsaturi, nello specifico omega-3 e omega-6. Questi acidi grassi sono indispensabili per il nostro organismo, che non riesce a sintetizzarli da solo. Gli acidi grassi omega-3 hanno un effetto positivo sul sistema cardiocircolatorio e possono fornire un valido contributo nella prevenzione di infarti o ictus.

Le noci contengono inoltre una grande quantità di vitamine e sali minerali: basta solo una porzione (pari a circa 20-30 g) per coprire oltre il 60 percento del fabbisogno di vitamina E, importante per il suo effetto antiossidante sul nostro organismo. Inoltre contengono anche vitamine del gruppo B, potassio, zinco, magnesio, ferro e calcio. (Continua a leggere qui di seguito...)

Contenuti collegati

Conservare solo con il guscio

L’ideale perché le noci durino più a lungo e mantengano intatto il loro aroma è conservarle con il guscio. Le migliori condizioni climatiche sono offerte dalle cantine, purché non siano ambienti troppo umidi. Le noci sgusciate mantengono la loro freschezza per circa quattro settimane. È inoltre possibile conservarle in frigorifero o in congelatore all’interno di contenitori ermetici.

Se la noce fa rumore all’interno del guscio sarà già secca e non più adatta al consumo. Anche quando il guscio è nero e raggrinzito il frutto non è più buono da mangiare. Il modo migliore per evitare che le noci vadano a male è quello di mangiarle in fretta, ad esempio come spuntino che aiuta la mente a ritrovare la capacità di concentrazione.

Le noci aggiungono un gusto speciale a pane, müesli, torte o biscotti. Ma sono perfette anche per cibi salati, ad esempio come base per un pesto di noci con cui condire la pasta, oppure per creare una deliziosa crosta su piatti di carne o pesce.

Tabella dei valori nutrizionali: cosa contengono le noci?

Sostanze nutritive

Per 100 grammi

Per porzione (30 g = 7-10 noci)

Percentuale del fabbisogno giornaliero coperto da una porzione

Energia

742 kcal

222 kcal

 

Carboidrati

7 g 3 g  

Proteine

16 g 5 g  

Grassi

71 g 21 g  

Fibre

6,7 g 2 g 7 %

Vitamina B1
(tiamina)

0,36 mg 0,11 mg

9% per gli uomini
11% per le donne

Vitamina B2 (riboflavina)

0,14 mg 0,04 mg

3% per gli uomini
4% per le donne

Vitamina B6 (piridossina)

0,41 mg 0,12 mg

8% per gli uomini
10% per le donne

Niacina

1,3 mg 0,4 mg

3 %

Folati

140 µg 42 µg

14 %

Acido pantotenico

0,81 mg 0,24 mg

4 %

Vitamina E

30 mg

9 mg

64% per gli uomini
75% per le donne

Potassio

420 mg

126 mg

3 %

Magnesio

140 mg 42 mg

12% per gli uomini
14% per le donne

Ferro

3 mg 0,9 mg

9% per gli uomini
6% per le donne

Zinco

4 mg 1,2 mg

12% per gli uomini
17% per le donne

 

di Claudia Vogt,

pubblicato il 28.09.2018


Potrebbe interessarti anche: